I 10 gestori degli errori principali rendono la gestione delle prestazioni di sicurezza

Errore più grande numero 4

Errore più grande numero 4: pensare che la gestione della sicurezza non richieda leadership

"Gestisci l'inventario e guidi le persone

~ H. Ross Perot

Questa potrebbe essere una rivelazione scioccante per le organizzazioni che abbiamo guidato, ma pochi di noi manager sono cresciuti con l'idea in mente che un giorno saremmo diventati i leader. Non è così che è successo.

Quando eravamo bambini che crescevano a scuola, sapevamo tutti chi fossero i leader. Erano quelli che erano i migliori atleti, avevano le migliori personalità e sì, erano i più belli. Tutti - inclusi noi - li hanno seguiti. Hanno reso la guida semplice e alla moda.

Abbiamo compensato la nostra mancanza di talento di leadership naturale studiando duro e ottenendo buoni voti. Alla fine, questo ha portato alla laurea e all'inizio di una buona carriera. Poi un giorno qualcuno si è accorto che stavamo facendo un buon lavoro e ha deciso di farci diventare il leader: abbiamo ottenuto il nostro primo lavoro nella gestione.

Ora era il nostro turno di essere il leader. Abbiamo subito scoperto che nessuno pensava che fossimo così bravi e non hanno necessariamente seguito il nostro esempio. È stato allora che abbiamo deciso che il gioco era tutto incentrato sulla "gestione" e non eravamo davvero in testa.

Gestire, Definito

Il consulente Louis Allen ha definito i quattro elementi della gestione come pianificazione, guida, organizzazione e controllo. Sono tutti di fondamentale importanza per l'obiettivo di rimandare le persone a casa al sicuro alla fine della giornata. La pianificazione consiste nell'avere sistemi e metodi che mettano gli strumenti, le attrezzature e i metodi giusti nelle mani di coloro che stanno facendo il lavoro. Il lavoro di organizzazione assicura che le persone giuste stiano facendo il lavoro e che abbiano la conoscenza, l'abilità, il supporto e la supervisione. Il controllo, come lo ha definito Allen, è il lavoro di misurazione e follow-up.

Poi c'è il leader. È un concetto così semplice. Suddividere la conduzione negli elementi componenti - azioni come comunicare, prendere decisioni, ascoltare, motivare - non sembrava poi così difficile.

Ma non è così che ha funzionato quando l'abbiamo fatto. Annunciavamo una decisione importante al nostro staff - comunicandola spiegando tutti i motivi per cui aveva perfettamente senso - e avrebbe incontrato una dura resistenza. Ricordavamo alla gente quello che avevamo detto prima e loro dicono che è la prima volta che lo sentono. Ascoltavamo pazientemente, ma quello che di solito finivamo per sentire erano lamentele e scuse.

Essere il leader è un compito difficile.

I nostri leader più ammirati

Pensa alla domanda: "Chi sono i leader che abbiamo conosciuto nella nostra vita e ammirato di più?" Selezioniamo i ranghi di allenatori, generali, funzionari eletti e personaggi pubblici; non è difficile trovare un elenco. Grazie alla televisione e ai film, è molto probabile che i nomi sulla lista di noi Baby Boomer siano abbastanza simili.

È sorprendente ciò che i nostri leader più ammirati non hanno in comune. Alcuni erano oratori brillanti e altri introversi completi. Alcuni guidavano con autorità formale e altri sembravano semplicemente in grado di "creare seguaci" per le loro idee. Alcuni erano tizi duri dagli occhi d'acciaio - come il generale Patton, e altri guidavano in modo molto passivo - come Gandhi.

Ciò che i nostri leader più ammirati hanno in comune è un elenco molto breve: tutti avevano qualcosa di importante che volevano realizzare; hanno agito in base alle loro convinzioni; e le loro azioni hanno prodotto risultati. Ma il modo in cui hanno realizzato ciò che hanno fatto sembra dipendere solo dai loro punti di forza e personalità personali: Vince Lombardi e Tom Landry hanno entrambi avuto successo sul campo, seguendo due stili di coaching completamente diversi.

I leader che ammiriamo non hanno avuto vita facile. Ad un certo punto lungo la strada, la maggior parte ha sofferto per ciò in cui credeva: nel peggiore dei casi, sono stati uccisi o messi in prigione. Oppure potrebbero essere stati semplicemente arrostiti dall'opinione pubblica e minacciati di essere licenziati.

Essere il leader è davvero un compito difficile!

Tutto ciò aiuta a spiegare perché la vera leadership è così rara. E perché è molto più comodo e sicuro da gestire: pianificare, organizzare e controllare.

Quando si tratta di prestazioni di sicurezza, c'è sempre molto da gestire. Eseguire le ispezioni; mantenere l'attrezzatura; fornire la formazione; completare le valutazioni. Come manager, conoscevamo tutti perfettamente la procedura; la maggior parte di noi era davvero brava in queste attività di gestione.

Il problema con questo, come Ross Perot ha riassunto così bene, è che "Gestisci gli inventari e guidi le persone".

La gestione delle prestazioni in materia di sicurezza richiede leadership

È sempre possibile trovare le impronte digitali sui motivi per cui le persone si feriscono. La sicurezza alla fine si riduce a un gioco di persone. Con le persone, non è possibile aggirare la necessità di guidare e, con ciò, porta con sé tutte le sfide che derivano dall'essere il leader.

Essere il leader è un compito davvero difficile.

Pensare di poter ottenere grandi risultati in termini di sicurezza solo gestendo, ma senza guidare, è stato uno dei più grandi errori che abbiamo commesso. 

lascia un commento

Diffondere la parola

Condividi su Facebook
Condividi su Linkdin
it_ITItalian
Torna su