GESTIONE DELLE NOVITÀ SULLE PRESTAZIONI DI SICUREZZA

Analisi dei rischi sul lavoro

Cosa, mi preoccupo? 
 
     ~ Alfred E. Newman
 

Il lavoro da svolgere era semplice: imbullonare una parte su una staffa. È stata eseguita in anticipo un'analisi dei rischi sul lavoro? Dovrai chiedere a chi lo sa. 
 
La parte da installare era un'antenna. Il che spiega perché la staffa si trovava in cima a una torre dell'acqua comunale ed era un lavoro per due persone. Questo in particolare si trovava a Bethany Beach, Delaware; come suggerisce il nome, sulle rive dell'Oceano Atlantico. 
 
Ma questo lavoro avrebbe potuto essere svolto praticamente ovunque. Non credermi sulla parola: la prossima volta che guidi vicino a una torre dell'acqua, guarda in alto. Affittare questo spazio all'industria wireless è diventato un luogo comune. Si chiama "fonte di entrate".
 
A 120 piedi da terra, era necessario un ascensore idraulico per accedere al lavoro. Nessun problema: un vicino cantiere di noleggio ha fornito l'ascensore. Il lavoro era previsto per la prima settimana di novembre in un giorno in cui era stato emesso un avviso sul vento. Sulla costa atlantica, non è niente di speciale.  
 
Quindi, due persone, che lavorano da un ascensore, a 120 piedi da terra in una giornata ventosa. Leggilo e non potrai fare a meno di avere un senso di presentimento: questo lavoro non deve essere finito bene. 
 
Non lo ha fatto, il che spiega come sia diventato il protagonista qui. Quello che è successo dopo è stato catastrofico, ma difficilmente imprevedibile. 
 
Una forte raffica di vento, probabilmente tra le venticinque e le trentacinque miglia orarie, fece cadere l'ascensore. I due uomini che ci lavoravano - entrambi poco più che ventenni - caddero a terra. Mentre loro e l'ascensore cadevano, hanno colpito le vicine linee elettriche ad alta tensione. Due decessi sul lavoro, causati da una caduta dall'alto e dal contatto con l'elettricità ad alta tensione.  
 
Come un ricercatore sulla sicurezza ha descritto statistiche come queste: "una tragedia con le lacrime asciugate".

Che cosa è andato storto?
 
Senza dubbio la tua mente sta correndo con le domande. Perché questo ovvio pericolo non è stato adeguatamente riconosciuto e gestito? Che tipo di addestramento avevano ricevuto i due? Qual era la condizione dell'ascensore? Come è stato posizionato? Non c'era un modo migliore per eseguire il lavoro? 
 
Grandi domande tutte, se il tuo lavoro è indagare sull'evento. Non è.
 
Gli investigatori avranno accesso a tutte le informazioni disponibili sul lavoro, l'ubicazione, le attrezzature, le condizioni meteorologiche, le persone assegnate e le pratiche dei leader responsabili della gestione della sicurezza su questo lavoro. Scopriranno le risposte. È il loro lavoro. Tra mesi, il loro rapporto dovrebbe dirti tutto su chi, cosa, quando, dove, come e perché della tragedia. In caso contrario, gli investigatori non avrebbero svolto bene il loro lavoro. 
 
Dovrebbero etichettare la causa di questo evento utilizzando uno dei soliti sospetti odierni - "guasto del sistema di gestione", "normalizzazione della deviazione", "aspettativa di sicurezza", "cultura" per citarne diversi - anche loro non avrebbero svolto bene il loro lavoro . Tieni a mente questo pensiero la prossima volta che leggi un rapporto di indagine su qualcosa che è accaduto nella tua operazione. 
 
Ma sapendo quello che sai ora, non devi aspettare mesi per leggere il rapporto e poi pensare a cosa fare.  
 
Non sul mio orologio!
 
È allettante per un leader sentire parlare del fallimento di qualcun altro e mettere in discussione "quei ragazzi". Lo vedo molto, anche da bravi leader che dovrebbero conoscere meglio. Sono sicuro che lo fanno, ma questo non impedisce loro di criticare i loro coetanei. 
 
Meglio non sfidare il destino. Lascia la critica agli investigatori. Il tuo lavoro come leader è assicurarti che qualcosa del genere non accada in nessun lavoro di cui sei responsabile. 
 
Capendo che, quando si sente parlare di un fallimento come questo, le domande che dovresti porre dovrebbero avere poco a che fare con l'evento e tutto a che fare con la tua operazione e le persone. I miei follower, in particolare quelli all'inizio della loro carriera, comprendono adeguatamente e pienamente i pericoli che potrebbero incontrare nel corso del loro lavoro? Smetteranno un lavoro che pensano non sia sicuro? Cosa succede in una situazione pericolosa là fuori quando non sono in giro per supervisionare il lavoro?
 
Dati i particolari di questa tragedia, lasciatemi suggerire un'altra domanda da porsi: Quanto bene facciamo quando eseguiamo un'analisi dei rischi sul lavoro?
 
Il "lavoro" nell'analisi dei rischi sul lavoro
 
Se la tua operazione è una pratica abituale di completamento di un'analisi dei rischi sul lavoro, un errore come questo dovrebbe farti porre alcune domande difficili sulla tua pratica GAI. Se non altro, le variabili in questo caso - posizione, altitudine, condizioni meteorologiche e pericoli nelle vicinanze - sono la prova positiva che "non esistono due lavori uguali". Dal punto di vista della sicurezza, non lo sono mai. Questo per quanto riguarda il valore di un magazzino JHA pronto per essere utilizzato per qualsiasi lavoro elevato. Questo è solo un esempio tra tanti. 
 
Lo sai. Ma ecco qualcosa che potresti perdere. 
 
Se hai intenzione di analizzare i pericoli di qualsiasi lavoro, devi guardare ben oltre il compito specifico da svolgere. Ci sono questioni come dove sarà fatto, quando sarà fatto e chi lo farà. Questi hanno poco a che fare con il cosa - compito - e molto di più con il dove e il chi: l'ambiente in cui il compito deve essere svolto e coloro che sono assegnati all'attività. L'evento di Bethany Beach lo rende molto chiaro. I rischi mortali riscontrati sul lavoro non erano una funzione del compito svolto: se la staffa fosse stata a livello del suolo, questa non sarebbe stata una storia.
 
La posizione gioca un ruolo importante nella creazione di pericoli che possono danneggiare coloro che sono incaricati di eseguire il lavoro. L'analisi della posizione per svolgere il lavoro in sicurezza dovrebbe iniziare con l'andare e il ritorno in sicurezza. Poi c'è l'analisi dell'essere dove si lavora. 
 
Sì, sai tutto questo. Ognuno fa. 
 
Ti dirò che da quelle che vengono chiamate prove aneddotiche - "So molto perché ho visto molto" - i pericoli trovati nell'ambiente hanno la stessa probabilità di far ferire qualcuno quanto i pericoli direttamente associati al lavoro specifico qualcuno che qualcuno è stato assegnato a eseguire. 
 
Ti presento ancora: la mia esperienza suggerisce anche che più è sicuro il tuo equipaggio, più è probabile che se si facessero male, ciò che li ha feriti non è un pericolo direttamente correlato al compito che stanno facendo in quel momento .
 
Ma davvero non dovresti credermi sulla parola. Dovresti analizzare la tua esperienza e i tuoi dati. Non solo è vero che “non ci sono mai due lavori uguali” è anche vero che non esistono due operazioni esattamente uguali. Il tuo è tuo. 
 
E tuo per guidare e gestire in sicurezza.
 
Se i tuoi dati corrispondono alla mia esperienza, potresti pensare a un nuovo nome per la tua analisi dei rischi sul lavoro. Come una "analisi di attività, ambiente e sicurezza delle persone". Tutti e tre devono far parte dell'ambito. 
 
Sicuramente puoi inventare un titolo migliore. Ma hai capito il punto.
 
Interruzione del lavoro
 
Infine, c'è il problema preoccupante di non fermare un lavoro che sembra pericoloso. Arroccato su un ascensore a 120 piedi da terra, velocità del vento al suolo in media di 14 mph e raffiche più del doppio, è difficile immaginare che i due non si sentissero molto tremanti. Il manuale operativo del produttore avvisa che il sollevatore non doveva essere utilizzato con venti superiori a 28 mph.
 
Penseresti che sarebbe sufficiente per toglierti di mezzo. 
 
Lo faccio anch'io. Ma i due che contano per la storia no. Il fatto che ci fossero due persone che lavoravano a questo lavoro rende più probabile che una avrebbe detto "Basta!"?
 
O meno?
 
Perché non hanno interrotto il lavoro? Dov'era il loro supervisore? La loro cultura ha anteposto la produzione alla sicurezza? 
 
Basta con loro; questo è tutto su di te.
 
Hai un lavoro che viene svolto in molti posti e puoi essere solo in un posto alla volta. La domanda che devi chiederti è, Se il lavoro non è sicuro e io non ci sono, cosa faranno i miei follower?
 
Se sei sicuro al 100% che 100% dei tuoi follower farà la cosa giusta e fermerà il lavoro 100% delle volte, non hai preoccupazioni.
 
Ma se non sei così sicuro di te, un evento come questo dovrebbe preoccuparti abbastanza da tenerti sveglio la notte. Mi ha colpito, e sono più di due decenni che non sono nei tuoi panni: un leader con seguaci sparsi per tutta l'operazione.
 
Paul Balmert
Novembre 2020

Diffondere la parola

Condividi su facebook
Condividi su Facebook
Condividi su linkedin
Condividi su Linkdin
it_ITItalian
Torna su